Ricerca nel sito

Collegamenti sponsorizzati
Collegamenti sponsorizzati
Collegamenti sponsorizzati

Apprendistato Emilia Romagna

Il contratto di apprendistato professionalizzante: l'Emilia Romagna

Articolo aggiornato il 28-02-2013

L'apprendistato è un contratto di lavoro particolare che consente ai giovani che lo sottoscrivono di imparare una professione direttamente sul campo, nello stesso tempo in cui si dedicano alla formazione specifica rispetto ad un determinato settore professionale. Anche in Emilia Romagna, come in tutte le altre regioni italiane, i contratti di apprendistato sono normati da disposizioni regionali che disciplinano questa tipologia di contratto di formazione-lavoro. Vediamo nello specifico cos'è e come funziona il contratto di apprendistato professionalizzante per i residenti dell'Emilia Romagna. 

collegamenti sponsorizzati
Il contratto di apprendistato professionalizzante: l'Emilia Romagna
Regione Emilia Romagna: il contratto di apprendistato
Il contratto di apprendistato, è, come suggerisce la dicitura stessa, un contratto di lavoro a carattere formativo, rivolto ai giovani dai 18 ai 29 anni d'età. Prevede infatti, per legge, che ai giovani apprendisti che svolgono di fatto vere e proprie mansioni lavorative, venga garantita durante l'intera durata temporale del contratto, anche una formazione specifica e relativa alla professionalità nella quale vogliono specializzarsi. In Emilia Romagna, così come in tutta Italia, il contratto di apprendistato è discipinato dal Testo Unico dell'Apprendistato entrato in vigore nel 2011(D.l. 14-09-2011 n167) e che articola le tipologie di apprendistato professionalizzante in tre categorie:

- l'apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale;
- l'apprendistato professionalizzante o di mestiere per il conseguimento di una qualifica professionale ai fini contrattuali attraverso una formazione sul lavoro e un apprendimento     
   tecnico professionale:
- l'apprendistato di alta formazione e ricerca. 

La prima tipologia è rivolta a giovani in età compresa fra i 15 e i 25 anni e può avere una durata massima di 3 anni. Per gli apprendisti minorenni, sono previste 1000 ore di formazione annua, di cui 650 da realizzare all'esterno dell'azienda di riferimento; i maggiorenni hanno invece 400 ore di formazione annua di cui almeno 100 da maturare in attività formative esterne. Per i giovani che non riescono a raggiungere nel tempo stabilito gli standard di competenza di base sono previsti percorsi di riallineamento esterni all'azienda di ulteriori 100 ore di formazione. La seconda tipologia di apprendistato è invece rivolta ai giovani dai 18 ai 29 anni: i profili formativi per questa categoria sono equiparati ai contratti di lavoro collettivi, la formazione professionalizzante è di responsabilità dell'azienda e gli enti di formazione esterni possono fornire all'apprendista una formazione integrativa esterna di non oltre le 40 ore. L'apprendistato di alta formazione e ricerca infine, sempre rivolto a persone dai 18 ai 29 anni, ha come finalità l'ottenimento di un titolo di studio superiore quali dottorati di ricerca, master, lauree. 

Apprendistato in Emilia Romagna: i link utili

Per saperne di più e accedere a tutte le regole e le disposizioni di legge in materia di apprendistato professionalizzante, è utile la consultazione del sito ufficiale della regione Emilia, nonchè del portale dedicato alla formazione e al lavoro in regione, Formazione e Lavoro . Sempre sul sito della regione Emilia Romagna è possibile consultare il catalogo elettronico delle proposte formative in apprendistato
Articolo pubblicato il
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie
Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:
Cerchi lavoro? scopri le 3 regole per trovarlo scarica gratis la guida in PDF

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta