Ricerca nel sito

Collegamenti sponsorizzati
Collegamenti sponsorizzati
Collegamenti sponsorizzati

Diventare avvocato

Diventare avvocato: il percorso da seguire

Articolo aggiornato il 26-06-2014

La professione dell'avvocato rappresenta lo sbocco professionale per antonomasia per i laureati in giurisprudenza, nella guida che segue percorreremo le principali tappe da superare per diventare avvocato a tutti gli effetti, dal praticantato all'iscrizione all'albo professionale, indispensabile per esercitare in tribunale, segnalando anche una serie di risorse utili per approfondimenti sul tema.

collegamenti sponsorizzati
Diventare avvocato: il percorso da seguire
Conseguita la laurea in Giurisprudenza specialistica (o vecchio ordinamento o magistrale a ciclo unico); è necessario iscriversi all'albo dei praticanti e svolgere un periodo di tirocinio presso uno studio legale.
Durante il biennio di praticantato obbligatorio, il praticante segue gli avvocati nel corso delle udienze (devono essere minimo venti per semestre) ed è tenuto alla stesura di unauna relazione sugli argomenti approfonditi durante il periodo di pratica a conclusione di ogni semestre.
Per maggiori informazioni sulla prassi prevista in questa fase, potrete fare riferimento a Praticanti.com dove troverete un forum per condividere i vostri dubbi con chi ha già vissuto o sta vivendo questa esperienza. Al suo interno è inoltre disponibile un elenco degli studi legali che accettano praticanti, che potrà esservi d'aiuto se non siete ancora riusciti ad instaurare una collaborazione.
Conclusi i due anni di praticantato, è possibile partecipare all'Esame di stato, passaggio obbligato per l'iscrizione all'Albo ed il riconoscimento ufficiale come professionisti. L'esame per diventare a tutti gli effetti avvocato è composto da tre prove scritte e una orale
I tre scritti consistono in: due pareri (soluzioni di casi specifici, uno civile e uno penale) e la stesura di un atto.
Chi passa gli scritti può accedere alla prova orale, che verte su cinque materie a scelta fra le diverse branche del diritto (unico obbligo prepararsi almeno in diritto civile o in diritto penale) a cui va ad aggiungersi la deontologia forense.
La preparazione data dal corso di studi più le competenze acquisite durante il praticantato dovrebbero essere sufficienti per superare l'esame di stato, tuttavia per un buon ripasso potrebbe essere d'aiuto seguire dei corsi di preparazione all'esame di avvocato, organizzati da enti pubblici e privati.
Se preferite studiare autonomamente, su Saranno Avvocati potrete trovare numerose informazioni sugli esami ed esempi delle  prove scritte assegnate dal 1989 fino ad oggi. Superato l'esame potrete finalmente procedere con l'iscrizione all'Albo degli Avvocati della vostra città.

 
Articolo pubblicato il
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie
Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta