Ricerca nel sito

Richiedi informazioni Informazioni
Visita il sito Visita il sito
Chiudi
Collegamenti sponsorizzati
Collegamenti sponsorizzati

Facoltà Scienze dell'Alimentazione

La facoltà di Scienze dell’Alimentazione

Articolo aggiornato il 25-11-2013

Sui percorsi di studio legati alle tematiche dell’alimentazione e della nutrizione, regna una discreta confusione, rispetto ai programmi, agli indirizzi e ai possibili sbocchi professionali e non solo. Tanto per cominciare ad esempio, per quanto possiate cercare non troverete la “facoltà di scienze dell’alimentazione” all’interno di nessun manifesto degli studi. Cerchiamo di fare insieme un po’ di chiarezza sull’argomento prendendo in esame i diversi percorsi disponibili.

collegamenti sponsorizzati
La facoltà di Scienze dell’Alimentazione

I corsi di laurea triennale e magistrale:

La confusione nasce dal fatto che l'offerta formativa nell'ambito delle scienze della nutrizione è piuttosto articolata e spesso legata ad ambiti didattici diversi anche se tra loro correlati. Per cominciare la laurea di primo livello in scienze della nutrizione umana, appartiene alla famiglia delle scienze e tecnologie farmaceutiche (classe L-29). Si tratta di un percorso finalizzato sostanzialmente alla formazione di ricercatori e tecnici di laboratorio specializzati abilitante per l'iscrizione all'albo professionale in qualità di “chimico junior”.
La laurea specialistica in scienze della nutrizione umana rientra invece nel gruppo delle lauree in medicina e chirurgia, al corso possono accedere gli studenti in possesso di laurea appartenente alle classi L-26, L-25, L-2, L-13, L-27, L-29, per le professioni sanitarie SNT3, SNT4, classe tre o uno dei titoli appartenenti al precedente ordinamento, che abbiano conseguito un minidmo di 60 CFU in discipline come la biologia, la biochimica, la nutrizione, l' igiene, le tecnologie alimentari e la microbiologia. I laureati magistrali saranno in grado di operare sia nel campo della ricerca che come consulenti per la valutazione e la valorizzazione dei prodotti alimentari, il controllo della qualità, la definizione ed il monitoraggio di programmi alimentari equilibrati.
Attenzione, questa specializzazione non va confusa con il corso di laurea magistrale in biologia della nutrizione, specializzazione propedeutica alla professione di nutrizionista.
I tre corsi di laurea sono attivi soltanto in pochi atenei italiani, l'università degli studi di Milano, l'università degli studi di Urbino, l'università degli studi di Napoli, l'università del Salento, l'università della Calabria ed il Campus Biomedico di Roma.

Le scuole di specializzazione in scienze della nutrizione
Dopo il conseguimento della laurea magistrale in medicina è chirurgia, farmacia, scienze biologiche, chimica, chimica e tecnologie farmaceutiche, medicina veterinaria, scienze delle preparazioni alimentari, scienze e tecnologie alimentari, potrete valutare la possibilità di proseguire ulteriormente gli studi, frequentando una scuola di specializzazione in scienze dell'alimentazione. In questo caso il ventaglio di opzioni tra cui potrete scegliere sarà ben più ampio, la specializzazione rientra infatti nell'offerta formativa del dipartimento di medicina e chirurgia della maggior parte degli atenei italiani.
Il percorso di studi post laurea ha una durata complessiva di 5 anni, con un piano di studi comune per tutti gli indirizzi durante il primo anno e personalizzato in base all'indirizzo di provenienza per i successivi 4 anni. All'interno del sito web dell'Associazione Nazionale Specialisti in Scienza dell'Alimentazione, troverete un elenco aggiornato delle scuole disponibili in Italia, attenzione anche se la vostra università non compare nella lista, ciò non esclude che il bando per l'iscrizione potrebbe essere attivato in collaborazione con altri atenei.

 

Articolo pubblicato il
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie
Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante: