Ricerca nel sito

Collegamenti sponsorizzati
Collegamenti sponsorizzati

formazione alimentaristi

Formazione alimentaristi: dal libretto sanitario all'attestato di qualifica professionale

Articolo aggiornato il 02-12-2012

Per "alimentaristi" si intendono i professionisti che operano come responsabili nel settore alimentare e che si occupano della manipolazione di alimenti e bevande. A partire dall'entrata in vigore della legge regionale n.11 del giugno 2003 e con la delibera di giunta regionale n. 342 del marzo 2004, coloro che operano nel settore dell'industria alimentare non hanno più l'obbligo di possedere un libretto di idoneità sanitaria, ma quello di ottenere un attestato derivante dall'aver frequentato un percorso di formazione specifico. Vediamo in questa pagina chi è tenuto a seguire dei corsi di formazione per alimentaristi e quali sono le opportunità di formazione nel settore in Italia.


 



collegamenti sponsorizzati
Formazione alimentaristi: dal libretto sanitario all'attestato di qualifica professionale
Formazione alimentaristi: chi è tenuto a conseguire un attestato?
Le ultime disposizioni di legge in materia di controllo della qualità alimentare prevedono che le persone che lavorano nell'ambito della manipolazione di alimenti e bevande siano tenute a conseguire un attestato di qualifica di alimentaristi. Naturalmente, l'obbligo per questa tipologia di attestazione è previsto per i professionisti che svolgono mansioni cosiddette "ad alto rischio", e in particolar modo: 
- Cuochi
- Pasticceri
- Produttori di gelato
- Addetti alla produzione e alla vendita di gastronomie
- Addetti alla produzione di pasta fresca
- Addetti alla lavorazione di latte e formaggi
- Addetti alla macellazione, il sezionamento, la lavorazione, la trasformazione e la vendita di carne e pesce
- Addetti alla produzione di ovoprodotti
Sono inclusi nell'obbligo formativo anche professionisti il cui lavoro viene classificato a rischio meno elevato, come baristi, fornai e addetti alla produzione di pizze, piadine e altri prodotti da forno, addetti alla vendita di alimenti sfusi, personale addetto alla somministrazione al pubblico di pasti in strutture scolastiche e socio-assistenziali. I corsi di formazione per alimentaristi, per l'ingresso al lavoro,  hanno la durata di 3 ore: per i professionisti a più alto livello di rischio è previsto un corso di aggiornamento ogni 3 anni, mentre per gli altri ogni 4 anni.

Dove frequentare un corso di formazione per alimentaristi
I corsi per alimentaristi obbligatori sono generalmente erogati da soggetti formativi diversi:  Dipartimenti di sanità pubblica dell’Azienda Usl competente per territorio, da singole aziende che lavorano nel settore alimentare, da centri di formazione privati autorizzati e riconsciuti dalle regioni. A Roma ad esempio, è possibile rivolgersi a PMI servizi per l'erogazione, in aula e online di corsi per addetti al settore alimentare; per chi risiede a Milano, è possibile invece rivolgersi a Gruppo PLS, che eroga numerosi corsi di formazione nel settore della sicurezza, fra cui formazione specifica relativa agli addetti alla preparazione e la somministrazione degli alimenti. In Umbria invece, l'azienda Aris Formazione, eroga i corsi obbligatori relativi alla sicurezza alimentare, nonchè i corsi di aggiornamento periodici per il medesimo settore.
Articolo pubblicato il
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie
Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:
Scarica gratis il video 'Trovare clienti su internet' Scarica gratis la video lezione "Trovare clienti su Internet" Trova clienti su internet