Ricerca nel sito

Collegamenti sponsorizzati
Collegamenti sponsorizzati
Collegamenti sponsorizzati

Lavoro Mediatore Linguistico

Lavoro per mediatore linguistico: quali sbocchi?

Articolo aggiornato il 12-10-2012

Il mediatore linguistico è un professionista da non confondere con l’interprete o il traduttore: detto anche mediatore culturale, ha il compito di facilitare e, appunto, di mediare la conversazione tra due comunità linguistiche differenti. Gli sbocchi occupazionali sono molti e spesso non li conosciamo tutti ma ci soffermiamo sui profili professionali descritti dai piani di studio universitari. Ecco un approfondimento sui corsi di laurea per mediazione linguistica e sulle opportunità di specializzazione professionale.

collegamenti sponsorizzati
Lavoro per mediatore linguistico: quali sbocchi?
Per diventare mediatore linguistico o culturale è necessaria una formazione universitaria, nello specifico sono attivi dei corsi di laurea per mediatori culturali, che di solito contano un piano di studi a metà tra quello di lingue, di lettere e di giurisprudenza.
Gli insegnamenti previsti dalla maggior parte dei corsi di laurea in mediazione linguistica e culturale sono:
- antropologia culturale
- cultura del paese linguistico scelto
- diritto costituzionale comparato
- diritto internazionale privato della famiglia e delle persone
- economia aziendale
- geografia politica ed economica
- geografia urbana e regionale
- istituzioni di economia
- letteratura e cultura nell’Italia contemporanea
- lingua
- sociologia
- storia delle comunità linguistiche
- storia contemporanea
Da piano di studi gli sbocchi professionali riguardano dei settori specifici, spesso saturi di personale, nei quali non esistono possibilità di inserimento lavorativo, ma anche altri settori forse meno considerati e sui quali c’è sicuramente carenza di informazioni. I profili professionali per mediatore linguistico sono:
- interprete free lance
- traduttore free-lance
- traduttore editoriale
- localizzatore
- traduttore di audiovisivi
- consulente linguistico per le CCIA
- consulente linguistico per le forze dell’ordine
- responsabile relazioni esterne di aziende o uffici pubblici
- responsabile della comunicazione aziendale per multinazionali o aziende import-export
- portavoce addetto stampa
- traduttore o interprete in agenzie giornalistiche
- operatore di pace
- cooperante nelle organizzazioni umanitarie
- impiegato in ambasciate o uffici consolari
- tour escort per compagnie di crociera
- impiegato per compagnie aeree e tour operator
- impiegato per agenzie di spedizioni e di trasporti internazionali
- impiegato per la marina mercantile, armatori e compagnie navali
- operatore all’interno di PCO (Professional Congress Organizer)
- operatore nella ricezione alberghiera
- responsabile relazioni esterne musei e imprese private turistiche.
- key account manager in aziende internazionali
- export sales manager
- product Manager
- responsabile marketing
- marketing specialist
- retail marketing manager
- trade marketing manager.

Per la formazione specifica in mediazione linguistica troviamo diverse scuole di alta specializzazione attive, come per esempio Mediatori Linguistici Ancona – Istituto per la Formazione di Interpreti e Traduttori che, oltre a corsi di laurea riconosciuti, eroga anche altri corsi di specializzazione, tra cui:
- Corsi per la traduzione assistita
- Corsi per accompagnatore turistico
- Corsi di speakeraggio ed impostazione della voce
- Certificazioni linguistiche.
Per quanto riguarda l’ambito della comunicazione e del giornalismo di carattere internazionale, i mediatori linguistici possono scegliere il Master in Giornalismo Internazionale dell’Institute for Global Studies, con sede a Roma. Il percorso formativo dura circa 300 ore, di cui 200 in aula e le restanti sul campo, e prevede 7 moduli di approfondimento:
- Scrittura creativa
- Scrittura giornalistica
- Giornalismo e professioni
- Marketing e Comunicazione
- Combat Camera
- Relazioni internazionali
- Struttura delle Forze Armate e Sicurezza, giornalismo embedded.
In ambito web marketing, invece, è pensato per traduttori e mediatori linguistici il Corso per diventare Traduttore Web, in aula (2 mesi) oppure on line, del Centro di Alta Formazione Web RomaExplorer. Gli sbocchi professionali? Traduttore di siti multilingue, Content manager e traduttore per web agency, Web translation specialist e content manager per portali internet.
Articolo pubblicato il
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie
Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante: