Ricerca nel sito

Collegamenti sponsorizzati
Collegamenti sponsorizzati
Collegamenti sponsorizzati

Legge Biagi

Guida alla Legge Biagi

Articolo aggiornato il 07-03-2014

Oggetto di aspri dibattiti e proteste, considerata responsabile dell'a progressiva "precarizzazione" del mercato del lavoro la Legge Biagi al momento della sua entrata in vigore ha innegabilmente  rivoluzionato" il sistema dei contratti di lavoro nel nostro paese. Quella che segue è una sintesi dei punti salienti del testo di legge accompagnata da link utili per la consultazione di guide commentate alle singole forme contrattuali regolamentate dalla legge 276/2003.

collegamenti sponsorizzati
Guida alla Legge Biagi
La legge Biagi, ovvero la legge 276 del 2003, introduce il contratto a progetto a sostituzione della figura del Co.co.co. In sostanza si è trattato di un nuovo delineamento della disciplina dei contratti di lavoro individuale approvato dal Consiglio dei Ministri tramite lo Schema di Decreto legislativo.  Con la riforma Biagi, le collaborazioni coordinate e continuative utilizzate per anni hanno lasciato spazio a nuove gestioni delle risorse umane: con i co.co.co il lavoro era considerato a metà strada tra l’autonomo e il subordinato, il datore di lavoro evitava in questo modo oneri e obblighi del lavoro da dipendente, tra cui  questi la tutela delle condizioni di lavoro, il compenso previsto per il lavoro straordinario e gli oneri previdenziali.

La legge Biagi è nata con l’intento di regolamentare la figura del collaboratore, stabilendo limiti di applicazione e diritti.  Il contratto a progetto è stato dunque disciplinato dagli articoli compresi tra il 61 e il 69, in questi punti precisi:
-l'assenza di un vincolo di subordinazione
-la determinazione di un progetto specifico (o programma di lavoro o fase di esso) stabilito dal committente.
Il contratto di lavoro previsto dalla legge Biagi deve essere stipulato in forma scritta e deve contenere l'indicazione della durata della prestazione di lavoro, l'indicazione specifica del progetto di lavoro, o fasi di esso; la retribuzione e i criteri per la sua determinazione; i tempi e le modalità di pagamento e la disciplina dei rimborsi spese; le eventuali misure per la tutela della salute e sicurezza del collaboratore.
Per consultare il testo completo della legge 276 del 2003, potrete scaricare la versione disponibile in formato pdf in fondo all'articolo

Come anticipato in apertura, in rete sono disponibili diverse risorse che mettono a disposizione degli utenti, guide semplificate alle principali novità introdotte dalla legge Biagi tra questi vi segnaliamo ad esempio il sito dell’Unione Consulenti, dove è presente un'analisi punto per punto del testo di legge. Il riferimento online inoltre è una valida risorsa per tutte le esigenze di tipo contrattuale, da consultare in caso di dubbi e approfondimenti. Anche Economia Italia contiene una sezione dedicata ai singoli contratti previsti dalla Legge Biagi: Somministrazione di lavoro o staff leasing, Appalto, Distacco, Lavoro intermittente o job on call, Lavoro ripartito o job sharing, Lavoro part time, Apprendistato, Contratto di inserimento, Tirocinio estivo di orientamento, Contratto a progetto, Lavoro occasionale di tipo accessorio, Certificazione dei rapporti di lavoro.

Per concludere, potete trovare maggiori approfondimenti sulle materie contrattuali nella sezione di Lavoro-Formazione dedicata al Diritto del Lavoro.

Articolo pubblicato il
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie
Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:
Cerchi lavoro? scopri le 3 regole per trovarlo scarica gratis la guida in PDF

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta