Ricerca nel sito

Collegamenti sponsorizzati
Collegamenti sponsorizzati

Mystery Shopper

Mystery Shopper: pagato per fare shopping

Articolo aggiornato il 06-03-2014

Scopriamo insieme il profilo professionale del Mystery Shopper, la nuova risorsa utilizzata dalle aziende per valutare la propria "brand reputation" e non solo. Vediamo cosa deve essere in grado di fare e qual è il percorso da seguire per accedere alla professione.

collegamenti sponsorizzati
Mystery Shopper: pagato per fare shopping
Essere pagati per fare shopping? Si può, ed è un mestiere. Il cosiddetto mystery shopper, o cliente misterioso. Viene assunto per un'attività di marketing che consiste nell'infiltrarsi in maniera anonima presso aziende e strutture: deve, in sostanza, comportarsi come un normale acquirente e analizzare la qualità del servizio e dei prodotti, insieme alla disponibilità e alla cortesia del personale. In genere il mystery shopper si muove per negozi di abbigliamento, ristoranti, fast food e hotel. Stila un report completo per l'azienda di mystery shopping che a sua volta girerà il rapporto all’azienda committente. Si tratta di un metodo per valutare la propria rete di vendita e coglierne i punti di forza e quelli deboli. I requisiti principali per diventare mystery shopper sono ovviamente lo spirito di osservazione, il giudizio obiettivo e la discrezione.

Quanto può guadagnare un mystery shopper? Dipende. La retribuzione per i mistery client può  partire dalle decine di euro al giorno, fino alle centinaia, il tutto in base all'esperienza e al tipo di attività richiesta. Può diventare sia un lavoro a tempo pieno che un impiego da svolgere nel tempo libero o come seconda attività.

Dove trovare le offerte di lavoro per mystery shopper?
Nei siti delle aziende di mystery shopping.  In genere è presente una pagina dedicata al reclutamento del personale, dove è necessario compilare un form. Poi si vine convocati quando l'attività da cliente misterioso corrisponde al profilo tracciato online. Il mystery shopper viene quindi inviato sul posto con il compito di comportarsi come un acquirente comune. Ad esempio, Mystery Client mette a disposizione un form online per la registrazione. Il sistema invia in automatico gli incarichi ai profili richiesti dai clienti. E poi ancora MysteryShopEyes che cerca clienti misteriosi con determinate attitudini: precisione, una spiccata capacità di osservazione e di organizzazione, skill comunicativi e praticità d'uso delle nuove tecnologie. O Doxa, che ricerca personale dai 20 ai 60 anni, con personalità curiosa, attenta a ciò che la circonda, affidabile, responsabile negli impegni che si assume e puntuale nel rispettare le scadenze. Ma l'attività del mystery shopper può essere anche settoriale: ad esempio Mystery Motorist, specializzata in concessionarie automobilistiche, officine meccaniche, distributori di benzina, spazi all'interno delle aree di servizio, catene di accessoristica per auto e tutti i settori che gravitano intorno all'automotive. Organizza indagini anche per officine autorizzate con guasti simulati.

Se dunque pensi di poter avere le credenziali per diventare mystery shopper, non ti resta che tentare e buon lavoro!
 

Articolo pubblicato il
Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie
Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:
Cerchi lavoro? scopri le 3 regole per trovarlo scarica gratis la guida in PDF